Sentiero Anello del Barbet

sentiero-anello-del-barbet
Baldissero d'Alba
3 h
7,00
250 m
Difficoltà: E (Escursionista)
Difficoltà: MD (Mountain Bike Difficile)
GPS

L’ Anello del Barbet percorre i confini del paese di Baldissero d’Alba con i territori limitrofi di Sommariva Perno e Montaldo Roero.
E' un anello che si snoda in parte nell'antico bosco sommitale chiamato ai tempi dei romani "silva popularis" (da populus, pioppo), attraversa inoltre aree boschive sul fondo delle Rocche, dando la possibilità di conoscere anche l’ambiente più umido del sottobosco.
Una parte del percorso si snoda sull’antica strada romana e medioevale che dal pianalto scendeva a Canale lambendo l’antico abitato di Baldissero d'Alba di cui è ancora oggi testimonianza l’abside romanica della parrocchiale di Sant’Antonino.
Lungo l’anello si possono osservare le diverse tipologie di bosco del Roero caratterizzate dalla presenza di querce, pioppi, castagni, pini silvestri oltre che da vigneti e noccioleti tipici delle aree coltivate; in primavera si può assistere alla fioritura di asfodeli e pervinche.
Il nome del Sentiero è riferito al modo in cui venivano chiamati gli abitanti di Baldissero: i Barbet. Il termine dialettale indica la barba o meglio, il pizzetto: in antichità nel paese era presente una comunità valdese i cui esponenti portavano la barba. Da quel periodo in poi il soprannome è stato tramandato a tutti gli abitanti del paese anche per sottolinearne l’indole libertaria che ha contraddistinto alcuni episodi del passato più recente.

ITINERARIO

L'itinerario dell’Anello del Barbet ha inizio dal centro di Baldissero d'Alba, in piazza Martiri, dove è possibile parcheggiare l’auto.

Da qui si percorre via Cuneo per poi attraversare la provinciale in direzione Biancosaldo ed S1.
Si prosegue sull’S1 costeggiando il panorama sommitale del belvedere sulle Rocche per poi svoltare a sinistra in direzione di Località Aprato sul sentiero Ruspas.
Il percorso attraversa in questo tratto il bosco di sommità caratterizzato dalla presenza di castagni e pini silvestri per poi scendere verso il fondo delle rocche costeggiando boschi di gaggie (pseudoacacie) e pioppi.
Giunti in fondo alla discesa si svolta a sinistra per poi proseguire sempre a sinistra in direzione di località Goretta e risalire verso l’abitato di Baldissero sulla strada comunale asfaltata.
Giunti in prossimità del cimitero si imbocca la strada sterrata in direzione dell’abside romanica di Sant’Antonino che si raggiunge al termine di una dolce discesa che costeggia i vigneti più antichi del paese.
Dopo aver oltrepassato l’antica parrocchiale si prosegue dritto fino a svoltare a sinistra in direzione del sentiero delle Segrete. Si sta percorrendo l’antica strada verso Canale.
Giunti sul fondo della discesa si prosegue svoltando a destra per poi girare a sinistra in direzione del sentiero delle Segrete.
Si percorre la strada in pianura seguendo il corso del torrente incrociando la scalinata degli Alpini di Montaldo Roero. Si prosegue dritto per poi risalire il sentiero delle Segrete, così chiamato perché su questo versante di collina sfociava un’uscita sotterranea del castello di Baldissero, utilizzato per la fuga in caso di assedio.
Arrivati in cima al sentiero si incontra la strada sterrata di Costabella, si prosegue verso destra in direzione del Castello e del centro di Baldissero d’alba. Giunti sulla piazza di pian del forno si incontra la cancellata delle antiche scuderie del maniero, ora diventate l’asilo comunale. Di qui si prosegue verso destra per ritornare in Piazza Martiri.

AVVERTENZE

L’Anello del Barbet è palinato ed ha un senso di percorrenza: si raccomanda di percorrere i Sentieri nel senso di marcia indicato dalla segnaletica e nelle mappe; è possibile prolungare l'itinerario incrociando gli altri sentieri presenti.

Sentiero particolarmente impegnativo, non adatto ai bambini di età inferiore ai 12 anni.

Alcuni tratti del sentiero sono impegnativi e tecnici per un utilizzo in mountain bike. In alcuni tratti occorre trasportare la bicicletta a spinta.

Si raccomanda sempre di munirsi della cartina, di dotarsi di scarpe adatte alle escursioni su fondi sconnessi, eventualmente di bastone o racchette da escursionismo.
Nel periodo primaverile / estivo è consigliabile portarsi nello zainetto dell'acqua da bere e una barretta energetica.
Non fare mai esclusivo affidamento alle disponibilità di acqua sul posto.

E' consigliabile, prima di partire, consultare preventivamente le previsioni meteo e contattare il sito web dell’Ecomuseo o i nostri uffici per accertarsi dell’effettiva percorribilità dei Sentieri. 

Alle persone allergiche a punture di insetti, pollini, polvere o altro, si raccomanda di munirsi dei medicinali necessari a fronteggiare eventuali punture o inalazioni impreviste.

Prima di partire per un Sentiero si raccomanda di comunicare a qualcuno la propria meta o il Sentiero percorso, in modo tale da permettere, in caso di necessità, di essere raggiunti più facilmente ed ottimizzare eventuali operazioni di soccorso.

L’Ecomuseo si solleva da qualsivoglia responsabilità per danni, infortuni e smarrimenti verso i fruitori dei Sentieri.

 

TORNA A TUTTI I SENTIERI
Condividi questo articolo
STAMPA    la pagina è ottimizzata per la stampa formato A4

Storia di Montà

di BALDASSARRE MOLINO
Il volume sulla storia di Montà, dalle origini al Settecento, con mappe, ricostruzioni grafiche, e la versione integrale degli Statuti di Montà del 1501 | 445 pagine a colori.
€ 25.00 - Subito disponibile

ROERO,
flora spontanea e vegetazione

di FRANCO ROTA
La grande opera sugli aspetti morfologici, geologici, idrografici e climatologici del Roero | 383 pagine a colori.
€ 25.00 - Subito disponibile

ROERO,
repertorio artistico

di WALTER ACCIGLIARO
La grande opera sull'arte dei Comuni del Roero | 572 pagine a colori.
€ 35.00 - Subito disponibile

ROERO,
repertorio storico

di BALDASSARRE MOLINO
La grande opera sulla storia dei Comuni del Roero | 380 pagine a colori.
€ 35.00 - Subito disponibile