Sentiero dell'Acqua

Monteu Roero
2h 30min
8,80
150 m
20% naturalistico, 80% asfaltato
Difficoltà: EF (Escursionista Facile)
Difficoltà: MF (Mountain Bike Facile)
GPS

Il Sentiero dell'Acqua è così chiamato per via del Lago di Valunga, invaso d'acqua artificiale che si incontra lungo il percorso, e per via delle numerose peschiere presenti sul territorio dell'altipiano roerino. Ricavate per avere una riserva d'acqua in estate, le peschiere rappresentavano una notevole fonte di alimentazione e di reddito per la fauna ittica che vi si allevava (le tinche).

Quest'area del Roero, storicamente conosciuta come le "fini superiori", fu inoltre un'importante riserva boschiva per la presenza della silva popularis, un'estensione già conosciuta ai tempi dei romani. Area prevalentemente pianeggiante, i suoi terreni sono noti come "terre rosse" per via della loro composizione argillosa rossastra: vi si ricavavano, mediante cottura, mattoni, coppi e mattonelle di varia misura e utilizzo.

ITINERARIO

Il Sentiero dell'Acqua ha inizio nei pressi della Chiesa di San Grato, nell'omonima frazione del comune di Monteu Roero.

Si oltrepassa la Chiesa e si percorrono circa 500 metri lungo la strada asfaltata: al primo bivio si svolta a destra, imboccando una decisa curva in discesa la cui indicazione segnala "Cascina Recit". Si prosegue lungo un dolce zig zag pianeggiante tra le case, e in prossimità di un signorile casolare restrutturato si lascia l'asfalto in favore di una strada sterrata a sinistra: da qui inizia il tratto naturalistico del Sentiero, in graduale discesa, inoltrandosi in un bosco con castagneti coltivati a ceduo e qualche pino silvestre.

In prossimità di un campo di nocciole si svolta a sinistra e si procede lungo un sentiero molto stretto che continua la discesa graduale nel sottobosco tra querceti, castagneti e pini.

La discesa nel bosco termina sulle rive del lago di Valunga, ampio specchio d'acqua utilizzato per la pesca sportiva. Qui infatti vengono allevate le tinche, pesci d'acqua dolce tipici della zona e celebrati nei piatti della tradizione contadina. Un tempo le peschiere avevano una funzione importante nell'agricoltura: vi si convogliava, grazie ad una rete di fossi, l'acqua piovana che veniva poi utilizzata nei mesi estivi per l'irrigazione dei campi.

Costeggiando il bordolago si arriva in prossimità di due casette di legno e la segnaletica del Sentiero indica una decisa salita con una svolta prima a destra e poi a sinistra. Si raggiunge nuovamente l'altipiano e si esce dal bosco: raggiunta la strada asfaltata, si svolta a sinistra in direzione della frazione S.Grato.

Dopo circa 200 mt di strada si svolta nuovamente a sinistra, sempre sulla strada asfaltata, in direzione della Frazione San Bernardo e località Lazzarino: da qui inizia una zona coltivata a noccioleti, per la raccolta della nocciola "tonda gentile delle Langhe", particolarmente apprezzata nella pasticceria.

Attraversate le case di località Lazzarino, si svolta a sinistra in direzione della Frazione San Bernardo, di cui si inizia a scorgere il campanile in lontananza. Oltrepassata la Chiesetta in stile littorio, si prosegue dritto tornando in direzione San Grato tra i campi coltivati e le terre rosse.

Numerose sono le serre in cui si coltivano gli ortaggi come zucchini, peperoni, pomodori e fragole in primavera; poco diffusa è invece la coltivazione della vite perché la terra rossa è poco adatta a questo arbusto. La vista si apre, in lontananza, sui paesi della provincia di Torino.

Uscendo dal crocicchio di case in cui termina la frazione, si incontra a sinistra l'antico forno comunitario, un tempo utilizzato dagli abitanti di borgata, con la targa 1927.

L'anello si chiude nella piazzetta della Chiesa di San Grato da dove parte il Sentiero.

AVVERTENZE

E' uno dei 4 Sentieri tematici ad anello presenti a Monteu Roero. Tutti i Sentieri sono palinati; ed è possibile prolungare l'itinerario incrociando gli altri sentieri presenti. 

Si raccomanda sempre di munirsi della cartina, di dotarsi di scarpe adatte alle escursioni su fondi sconnessi, eventualmente di bastone o racchette da escursionismo. Nel periodo primaverile / estivo è consigliabile portarsi nello zainetto dell'acqua da bere e una barretta energetica.

TORNA A TUTTI I SENTIERI
Condividi questo articolo
STAMPA    la pagina è ottimizzata per la stampa formato A4

Storia di Montà

di BALDASSARRE MOLINO
Il volume sulla storia di Montà, dalle origini al Settecento, con mappe, ricostruzioni grafiche, e la versione integrale degli Statuti di Montà del 1501 | 445 pagine a colori.
€ 25.00 - Subito disponibile

ROERO,
flora spontanea e vegetazione

di FRANCO ROTA
La grande opera sugli aspetti morfologici, geologici, idrografici e climatologici del Roero | 383 pagine a colori.
€ 25.00 - Subito disponibile

ROERO,
repertorio artistico

di WALTER ACCIGLIARO
La grande opera sull'arte dei Comuni del Roero | 572 pagine a colori.
€ 35.00 - Subito disponibile

ROERO,
repertorio storico

di BALDASSARRE MOLINO
La grande opera sulla storia dei Comuni del Roero | 380 pagine a colori.
€ 35.00 - Subito disponibile